Stesso prodotto, prezzo diversi

Stesso prodotto, prezzo diversi

Ho già scritto delle famose P del marketing. Tra queste leve del marketing una delle più delicate, a mio avviso, è il prezzo.

 

Le strategie di pricing sono tra le più complesse

La ritengo una delle più delicate perché è la leva su cui bisogna ragionare molto, ma le domande fondamentali a cui trovare risposta sono:

  • Qual è il valore del bene (prodotto/servizio) percepito dal mio cliente?
  • Che prezzo è disposto a pagare per questo valore?

Lo stesso prodotto, a prezzo diverso

Il prezzo di un prodotto può variare di molto, a seconda di diversi fattori. Ad esempio il fattore età, in alcuni casi fa variare il prezzo (pensiamo ai musei e ai biglietti ridotti per i bambini o anziani). In alcuni casi ad altezza diversa corrisponde prezzo diverso: nei treni regionali in Abruzzo il biglietto è gratis sotto un metro di altezza, accompagnati da un adulto e che non occupino un posto a sedere.[1]

La nazionalità dell’acquirente fa cambiare il prezzo?

Ho fatto un piccolo esperimento.[2]

Sono andato su un sito di ricerca voli aerei, uno a caso, e ho provato a calcolare il costo di un volo da Fiumicino a Linate.

Scegliendo l’italiano come lingua del sito il risultato è questo

Prezzo biglietto aereo italia

Stessa ricerca (stesse date, stessi orari e stesso aereo) entrando però nella versione tedesca del sito.

Prezzo biglietto aereo germania

Noi italiani, lo stesso volo, lo paghiamo il quasi il 40 % in più!

E non si tratta di tasse: il prezzo netto del volo comprato dal sito in italiano è di 123 € (quindi  83,16 di tasse), mentre quello comprato dal sito in tedesco è di 65,16 (sempre 86,16 di tasse).

Non conoscendo le strategie di prezzo che causano queste variazioni, posso solo fare delle ipotesi.

Probabilmente le persone tedesche sono abituate a pagare meno degli italiani e il sito, analizzando i dati di vendita, è in grado di quantificare questa differenza.

Oppure il tedesco che compra un volo interno in Italia lo fa per motivazioni diverse rispetto ad un italiano, e da qui un algoritmo calcola la tariffa più corretta.

Di sicuro queste strategie hanno lo scopo di massimizzare il profitto!

Avete altre ipotesi da condividere?


[1] Trenitalia – Agevolazioni per i ragazzi
[2] Ad onor del vero, questa ricerca l’ho fatta a febbraio di quest’anno.

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Info sull'autore

Matteo administrator

Sono un consulente di marketing che aiuta le aziende a capire come fare CON il marketing per raggiungere gli obiettivi!